Focus
3,277

Liberarsi dal multitasking: strategie per una maggiore produttività

Il multitasking, o fare più compiti contemporaneamente, è diventato una caratteristica fondamentale nella nostra società moderna. Le persone si trovano costantemente a dover gestire molte attività nello stesso momento, come rispondere alle email, seguire una riunione online e risolvere problemi urgenti.

Tuttavia, sempre più ricerche dimostrano che il multitasking può essere dannoso per la nostra produttività e benessere generale. In questo articolo esploreremo come e perché abbandonare il multitasking può portare a risultati migliori.

Il multitasking: un ostacolo alla produttività e alla qualità del lavoro

È importante comprendere che il cervello umano non è programmato per eseguire molte attività contemporaneamente. Molti studi hanno dimostrato che l’essere umano può concentrarsi veramente solo su una singola attività alla volta. Quando cerchiamo di fare troppe cose contemporaneamente, il nostro cervello si sforza di passare rapidamente da un compito all’altro, causando un’eccessiva fatica mentale e riducendo la qualità del nostro lavoro. Invece di essere più efficienti, diventiamo meno produttivi e più suscettibili agli errori. Il multitasking non è la soluzione per aumentare la produttività.

Immagina di trovarti in una sala riunioni, circondato da persone che stanno parlando e discutendo animatamente. Nel frattempo, ti trovi di fronte al tuo smartphone, cercando di comporre un’email importante. La tua mente è divisa tra i rumori e le voci circostanti e la necessità di concentrarti sulla scrittura dell’email. È una lotta costante cercare di dare priorità a entrambi i compiti e di non farti distrarre. La tua mente si sente come un computer che sta facendo troppe cose contemporaneamente e il risultato è un blocco.

Ciò che rende questi compiti così conflittuali è il fatto che richiedono un focus diverso. Mentre parlare richiede una certa spontaneità e una rapida elaborazione delle informazioni, scrivere richiede una pianificazione più accurata, una struttura e una revisione attenta. Sono abilità che richiedono una differente modalità mentale, e cercare di passare dall’una all’altra senza interruzioni può essere controproducente. La tua mente può diventare confusa, le parole possono mescolarsi e le frasi possono risultare ambigue o incoerenti. Ciò può portare a fraintendimenti e a una comunicazione inefficace.

Il multitasking può influire negativamente sulla nostra capacità di apprendere e memorizzare le informazioni. Uno studio dell’Università di Stanford ha dimostrato che gli studenti che si impegnano nel multitasking mentre studiano hanno una memoria a breve termine più debole rispetto a quelli che si concentrano su un’unica attività. Questo perché il cervello ha bisogno di tempo per elaborare e consolidare le informazioni, e il multitasking interrompe questo processo.

Pensa in singolo, agisci in modo efficace: il potere della concentrazione nel lavoro quotidiano

Per abbandonare il multitasking e ottenere risultati migliori, è importante adottare alcune strategie. Ne ho parlato qui. È fondamentale stabilire priorità e concentrarsi su un’unica attività alla volta. Creare una lista di cose da fare e dedicare un tempo specifico a ciascuna di esse può aiutare a mantenere il focus e ad evitare distrazioni.

È utile eliminare tutte le fonti di distrazione durante l’esecuzione di un compito. Questo significa mettere in silenzio il telefono, chiudere le finestre del browser che non sono necessarie per il compito in corso e creare uno spazio di lavoro pulito e ordinato.

È importante, inoltre, prendersi delle pause regolari durante la giornata lavorativa. Queste pause consentono al cervello di riposarsi e di recuperare l’energia necessaria per affrontare le attività successive. Durante le pause, è consigliabile evitare di usare dispositivi elettronici o di pensare a compiti futuri, ma piuttosto dedicarsi a attività rilassanti come una breve passeggiata o una conversazione informale.

Segnali del multitasking. Come evitarlo per migliorare la produttività

Una persona rischia di essere multitasking quando presenta una serie di segnali e comportamenti che indicano che sta cercando di gestire più attività contemporaneamente. Alcuni segnali che possono indicare la tendenza al multitasking sono:

  • Dividere costantemente l’attenzione su più compiti: la persona passa rapidamente da una cosa all’altra senza completare adeguatamente nulla.
  • Difficoltà a concentrarsi su un singolo compito: la persona tende a essere facilmente distratta e ha difficoltà a mantenere l’attenzione su un’unica attività.
  • Desiderio di rispondere immediatamente a tutte le richieste e notifiche: la persona è costantemente impegnata a rispondere a messaggi, e-mail o notifiche, anche durante l’esecuzione di altre attività.
  • Sentirsi ansiosi o inquieti quando non si è impegnati in più attività contemporaneamente.
  • Compiere errori o fare scelte sbagliate a causa della divisione dell’attenzione.
  • Provare affaticamento mentale a causa dello sforzo costante di multitasking.
  • Difficoltà nel completare i compiti in modo efficace e efficiente.

Questi sono solo alcuni esempi, ma se una persona presenta frequentemente questi segnali potrebbe essere a rischio di essere multitasking.

Focalizzati su una sola attività: elimina il multitasking dalla tua vita

Eliminare il multitasking potrebbe portarti a benefici sorprendenti. Ti sentirai meno stressato e avrai più energia alla fine della giornata.

  • Organizzati: prima di iniziare la giornata, prenditi qualche minuto per pianificare le tue attività. Stabilisci delle priorità e dedica un periodo di tempo specifico a ciascuna attività. In questo modo, sarai in grado di dedicare la tua attenzione completamente a una cosa alla volta.
  • Elimina le distrazioni: metti il telefono in modalità silenziosa, disattiva le notifiche di posta elettronica e social media, chiudi le finestre del browser non necessarie. Riduci tutte le possibili distrazioni che potrebbero interromperti durante il tuo lavoro.
  • Prenditi delle pause: se hai una lunga lista di cose da fare, potresti essere tentato di lavorare senza fermarti per l’intera giornata. Tuttavia, fare delle pause regolari migliora la produttività e la concentrazione. Dedica un po’ di tempo per rilassarti, fare una passeggiata o semplicemente distogliere la mente dal lavoro.
  • Allena la tua capacità di attenzione: la nostra capacità di concentrarci su una singola attività può essere allenata come un muscolo. Puoi esercitarti nel concentrarti su un’attività per un determinato periodo di tempo, aumentando gradualmente la durata man mano che diventi più abile. Ad esempio, inizia con 10 minuti di lettura senza distrazioni e poi aumenta gradualmente il tempo.
  • Crea uno spazio dedicato al lavoro: avere un ambiente di lavoro pulito e ordinato può aiutare a ridurre le distrazioni e favorire la concentrazione. Assicurati di avere una scrivania pulita, illuminazione adeguata e un ambiente tranquillo. Se possibile, crea una zona separata per il lavoro, in modo da poter separare la tua vita personale da quella lavorativa.
  • Pratica il mono-tasking: invece di cercare di fare tutto contemporaneamente, fai una lista delle cose da fare e svolgile una per volta, dandoti il tempo necessario per completare ogni compito prima di passare al successivo. Questo ti aiuterà a essere più efficiente e a ottenere risultati di qualità.

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo

Tags: Focus

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriversi è il modo più efficace per rimanere sempre aggiornato su tutti gli articoli e le ultime novità del sito. È totalmente gratuito e non riceverai spam. Promesso.
Voglio iscrivermi!

FOCUS RECENTI

SEGUIMI SUI SOCIAL